ItalianEnglish
Menu principale
Home
News
George Martin
"Il Trono di Spade" serie TV
I Sette Regni
Immagini
Download
Forum
GuestBook
Sala del Trono
Credits
Disclaimer
Contatti
Link
Visitatori
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi467
mod_vvisit_counterIeri452
mod_vvisit_counterQuesta Settimana3133
mod_vvisit_counterQuesto mese10148
mod_vvisit_counterTotale2567586
Advertisement
This A Ring of Ice and Fire site
is owned by AXL.
A Ring of Ice and Fire
[ Home | List | Random | Join ]
Ultimi Aggiornamenti
Altri Personaggi Q - Z
martedý 07 maggio 2013

Quaithe Quaithe delle Ombre è una misteriosissima Sacerdotessa Rossa di Asshai delle Ombre attualmente residente nella Repubblica di... Leggi tutto...
Altri Personaggi F - L
martedý 07 maggio 2013

Lady Falyse Stokeworth Primogenita  di lady Tanda Stockworth, è sposata con ser Barman Byrch.     Franklyn Flowers... Leggi tutto...
Personaggi dei Guardiani Della Notte
martedý 12 giugno 2012

LORD JEOR MORMONT Jeor Mormont, detto Vecchio Orso, è il lord comandante dei Guardiani della notte. Uomo duro e di... Leggi tutto...
Altri Personaggi A - E
martedý 12 giugno 2012

Ser Addam Marbrand Cavaliere al servizio di Lord Tywin Lannister, ser Addam Marbrand è un leader carismatico, che sa facilmente... Leggi tutto...
Personaggi Martell
martedý 12 giugno 2012

 PRINCIPE DORAN NYMEROS MARTELL   Doran Nymeros Martell è il Principe di Dorne e Signore di Lancia del Sole. Primogenito... Leggi tutto...
Le Leggende dei Sette Regni
lunedý 11 giugno 2012

  Rhaegar Targaryen Figlio maggiore di Re Aerys II "Il Folle", erede al trono dei Sette Regni è inizialmente... Leggi tutto...
Altri Personaggi M - P
lunedý 11 giugno 2012

Lady Melisandre d’Asshai    Lady Melisandre, “La Donna Rossa”, è una sacerdotessa del culto del dio... Leggi tutto...
Personaggi del Popolo Libero
venerdý 13 aprile 2012

MANCE RAYDER   Mance Rayder è conosciuto in tutti i Sette Regni come il Re Oltre La Barriera. Era un uomo dei Guardiani della... Leggi tutto...
Personaggi Tully
lunedý 19 settembre 2011

LORD HOSTER TULLY Hoster Tully, lord di Delta delle Acque, padre di Catelyn, Lysa e Edmure, fratello del leggendario guerriero Brynden e... Leggi tutto...
Personaggi Arryn
lunedý 19 settembre 2011

LORD JON ARRYN       Signore del Nido dell’Aquila, lord Jon è stato, per Eddard Stark e Robert Baratheon, un... Leggi tutto...
Altri Personaggi A - E
Scritto da Axl   
martedý 12 giugno 2012

Ser Addam Marbrand


Cavaliere al servizio di Lord Tywin Lannister, ser Addam Marbrand è un leader carismatico, che sa facilmente trascinare gli uomini ed è considerato il più tenace degli alfieri Lannister. Da giovane ha servito a Castel Granito come paggio, dove ha stretto amicizia con lo sterminatore di re, Jaime Lannister.

 

 


Aggo


Aggo è uno dei valorosissimi guerrieri Dothraki che dominano le pianure del Continente Orientale, e fa parte del khalasar di khal Drogo. Come la maggior parte dei dothraki guerrieri, anche lui è alto, dal fisico asciutto e muscoloso, con i capelli neri con i primi campanellini d'argento. Abile nell'uso dell'arakh, tuttavia Aggo ha anche una spiccata bravura nell'usare l'arco, con il quale ha una mira praticamente infallibile.


 

Aenys Frey

 E’ il terzogenito di Walder Frey, Lord del guado delle Torri Gemelle. Ha occhi famelici e ravvicinati, il naso appuntito, una barba sottile e castana e la testa calva. E’ un uomo astuto e crudele e più adatto al comando che al combattimento.

 

 

Alayaya

Figlia di Chataya, lavora attivamente nel bordello gestito dalla madre. Sebbene molti possano essere stupiti della cosa, si spiega tutto sapendo che nelle Isole dell'Estate le fanciulle in grado di dare piacere, come Alayaya, sono in realtà lodate e onorate, dato che, dando appunto piacere, rendono onore agli dèi. Come la madre Chataya, Alayaya ha la pelle scura d'ebano, ma i suoi occhi, sebbene sempre con sfumature di legno di sandalo, sono chiari. Nata sedici anni fa ad Approdo del Re, tuttavia Alayaya segue profondamente le onorificenze della madre Chataya, che la considera il pezzo migliore della sua organizzazione. Del resto, buon sangue non mente!

 


 

Lord Alester Florent


Lord Alester Florent è il lord della Fortezza di Acquachiara e alfiere di Alto Giardino.

E' un uomo anziano dai capelli grigio argento, la barba appuntita e lunghi, raffinati lineamenti.

Veste un’armatura d’oro rosso, con fiori di lapislazzuli sulla corazza pettorale.

 

 

 

Alleras


Un giovane novizio della cittadella. È un ragazzo di bell’aspetto. Tutte le serve, infatti, sono attratte da lui. Sorride sempre come se conoscesse qualche segreto che tutti gli altri ignorano. Questo gli conferisce un aspetto malevolo che s’intona con il mento appuntito, l’attaccatura dei capelli a punta e la folta massa di riccioli tagliati corti, neri come l’inchiostro.

La pelle di Alleras è scura come il tek ei suoi occhi hanno il colore dell’onice. Dopo un solo anno alla Cittadella ha già forgiato tre anelli della catena dell’ordine. È un arciere molto abile e il suo arco è fatto di cuordoro, un legno raro e rinomato delle Isole dell’Estate. Sembra mingherlino, ma c’è molta forza nelle sue esili braccia.

È stato soprannominato Sfinge da Leo il pigro, perché una sfinge è un po’ di questo e un po’ di quello. Proprio come Alleras: suo padre è dorniano, mentre sua madre è una nativa delle isole dell’estate, dalla pelle scura.

 

 

Amerei Frey


Ragazza prosperosa con gambe lunghe e ben tornite, figlia di Merrett Frey, figlio di Lord Walder, e lady Mariya Darry.

Il suo viso è allungato, ha un mento sfuggente e gli occhi scuri.

E’ soprannominata semplicemente “Ami” ed è sposata con ser Pate della Forca Blu.

 

 

 

Ser Amory Lorch


Amory Lorch è un alfiere di lord Tywin Lannister di Castel Granito.

Uomo tozzo e dalla voce stridula e acuta, indossa un'armatura con complicate istoriazioni che sembrano contorcersi sui pettorali della corazza, e con una manticora, simbolo della sua Casata, incisa sullo scudo.

Dietro la celata del suo elmo affiora una faccia pallida, porcina, e cavalca un destriero da guerra corazzato.

 

 

 

Anguy

Tunica borchiata, stivali alti e guanti senza dita, Anguy è un giovane proveniente dal Dorne, magro, ma non troppo alto, dai capelli rossi e con il viso costellato da numerose lentiggini. E' chiamato anche "Arciere" per il suo infallibile dono con l’arco. Le sue frecce dall’impennata di piuma d’oca sono, infatti, micidiali per chiunque nemico.

 

 

 

Lady Anya Waynwood

E' una degli alfieri della valle di Arryn, una donna che incomincia ad essere avanti con l’età, con i capelli tendenti al grigio, le zampe di gallina sotto gli occhi e la pelle rilasciata tipica di comincia invecchiare, mantenendo tuttavia un aura e un atteggiamento nobiliare inconfondibili.

A tutt’oggi è la reggente di casa Waynwood, antica e nobile casa della valle di Arryn, anche se economicamente in difficoltà.

E’ anche tutrice di Harrion Arryn detto "Harry l’Erede", che è l’unico discendente di Jon Arryn, Lord della Valle di Arryn, dopo il malaticcio Robert Arryn, figlio del lord e di Lady Lysa Tully.

 


 

Archibald Yronwood

Soprannominato “il Bestione” dal cugino Cletus per via dei suoi sei piedi e mezzo di altezza composti da spalle larghe, un ventre enorme, gambe grosse come tronchi, mani grosse come prosciutti e dall’assenza del collo. Il suo cranio è completamente sgombro da capelli a causa di una malattia infantile che glieli ha fatti perdere.

 

 

 

Areo Hotah

Areo Hotah è un anziano guerriero che proviene dalla Libera Città di Norvos, ed è il capitano della guardia personale del Principe Doran Martell di Lancia del Sole. Ultimo di troppi figli in una famiglia numerosa, in cui risultava solo un ragazzone che mangiava troppo e riempiva troppo in fretta i suoi abiti, venne affidato dai suoi genitori ai Preti Barbuti, un’antica confraternita di Norvos che insegnava l’arte della guerra e del servizio ai suoi Adepti.

A quei tempi, Areo Hotah era un giovane temerario, dalle spalle ampie e dai capelli neri. Aveva appreso l’arte della guerra e del servire come i preti gli avevano insegnato. Servire. Obbedire. Proteggere. Tutto era racchiuso in queste tre, ferme parole, e Areo Hotah aveva imparato a non discostarsi da esse. I preti barbuti lo avevano anche addestrato a combattere con un’ascia da combattimento dall’asta lunga di leccio di montagna lunga sei piedi.

Perseguiti tutti gli insegnamenti, Areo fu marchiato come da tradizione con un marchio rovente al centro del petto. Il segno di quel marchio non ha mai lasciato il corpo di Areo, così come il ricordo, il dolore e l’odore di quel momento. Ma da allora Areo Hotah è sempre rimasto fedele agli insegnamenti che i preti gli avevano impartito.

Da Norvos, venne mandato nel Westeros a servire nei Sette Regni il principe Doran Martell.

Vecchio quasi quanto il principe che protegge, ora quei capelli neri sono bianchi, e il suo corpo è coperto da numerose cicatrici di numerose battaglie, ma la forza, la sua forza è rimasta sempre la stessa. E la sua ascia è sempre affilata.

Dalla voce roca, Areo Hotah segue alla lettera gli ordini del suo principe, non contestandoli mai e realizzandoli con la massima fedeltà, ma nonostante tanti anni nel Westeros, questa terra gli è ancora estranea, e spesso ha momenti di nostalgia per la sua città natale, le sue campane, la torta di sua madre.



 

Armen l'Accolito


Accolito della cittadella, porta intorno al collo una stringa di cuoio cui sono appesi anelli di peltro, alluminio, piombo e rame. Il suo naso è lungo e sottile.




 

Aurane Waters

Meglio conosciuto come "Il Bastardo di Driftmark" è un giovane avvenente e aitante dagli occhi grigioverdi e lunghi capelli biondo argenteo. La somiglianza del colore dei suoi capelli a quello tipico dei Targaryen è dovuto al fatto che i Velaryon, da cui discende, provengono dall’antico ceppo di Valyria.

 

 


 

Ser Axell Florent

Ser Axell Florent è zio di lady Selyse Baratheon e fratello minore di lord Alester.

Indossa sovente una pelliccia di volpe color ruggine, un richiamo alla volpe dello stemma del suo casato.

E’ una montagna d’uomo, dalle braccia robuste e le gambe tozze, con le orecchie prominenti tipiche della casa Florent, ma addirittura più grandi di quelle della nipote, con una folta peluria che sporge da esse.



 

Ser Balman Byrch

Marito di Falyse Stockeworth, è un uomo dal passato di giostratore di fama, anche se oggi è diventato un uomo dai capelli biondi ondulati fortemente stempiato, con un ventre sempre più prominente e due folti baffi.

 


 

Ser Balon Swann

Figlio secondogenito di Lord Gulian Swann di Stonehelm, alfiere della famiglia Baratheon. Cavaliere molto abile, fa parte della numerosa corte di Approdo del Re all'arrivo di Lord Eddard Stark nella capitale. Partecipa distinguendosi sia al torneo in onore della nomina di Eddard Stark a Primo Cavaliere, sia a quello per il compleanno di Joffrey Baratheon.

 


 

Bardo Blu

Il suo vero nome è Wat , ma si è dato l’appellativo di Bardo Blu dopo essere divenuto un cantastorie.

I suoi occhi sono di un azzurro intenso ed i suoi capelli castani  sono lunghi e ricci.

Il suo abbigliamento usuale è caratterizzato dal colore blu. Egli solitamente indossa brache di ottima lana e stivali blu oltre ad una tunica in seta azzurra, ornata da due strisce diagonali in satin più scuro. Per rendere più caratteristico il suo aspetto si è colorato di blu anche i capelli seguendo la moda in voga a Tyrosh.

Il padre di Wat faceva il bottaio, mestiere che anch’egli imparò, ma appena si rese conto di avere grandi capacità nel suonare il liuto scappo di casa.

A seguito della sua fuga si unì a un gruppo di musici con cui girò in lungo ed in largo quasi tutto l’Altopiano prima di giungere ad Approdo del Re per cercare favori a corte.

 

 


 

Ser Barristan Selmy

Figlio primogenito di ser Lyonel Semly di Sala del Raccolto. Servì quale scudiero di ser Manfred Swann. All'età di sedici anni fu soprannominato " Il Valoroso " quando si presentò come cavaliere misterioso al torneo di Blackhaven.

Fu fatto cavaliere a sedici anni da re Aegon V Targaryen, dopo aver compiuto atti di gran valore nel torneo di Approdo del Re, dove sconfisse l'allora lord comandante della Guardia Reale, ser Duncan “Il Grande”.

Entrò nella Guardia Reale all'età di ventitré anni, nominato dal lord comandante ser Gerold Hightower.

Vincitore di molti duelli, mischie (tra cui quella di Maidenpool) e tornei (vincitore unico del torneo di Capo Tempesta) fautore di atti eroici, di valore, di fedeltà e d’onore; combatté contro Robert Baratheon, al fianco del principe Rhaegar Targaryen nella battaglia del Tridente, dove fu sconfitto e perdonato dal nuovo sovrano Venne poi nominato lord comandante della Guardia Reale.

All’età di cinquantasette anni vinse il suo ultimo torneo, quello di Approdo del Re in onore del compleanno del principe Joffrey.

 


 

Belwas il Forte

Gigantesco eunuco al servizio di Illyrio Mopatys, magistro di Pentos. Dalla mole spropositata e dalla forza fuori del comune, è cresciuto nelle fosse da combattimento di Meeren, nella Baia degli Schiavisti.

 


 

Lord Benedar Belmore

Lord di Strongsong, sita nella Valle di Arryn, è descritto come un uomo grasso con una brutta barba grigio-rossastra, dalle spalle cadenti e dal prominente pancione.

Il suo stemma è rappresentato da sei campane argentate in sfondo viola.

 

 


 

Benfred Tallarth

Benfred è il figlio di Helman Tallhart, uno dei nobili alfieri della Casata Stark. In quanto tale, è l'erede di Piazza di Torrhen. Giovane e irruento, Benfred è tuttavia un uomo fedelissimo a chi ha giurato fedeltà, e questa è la sua principale dote: la fedeltà.

L'orgoglio è invece la prima cosa che si potrebbe notare in lui, ma non per questo Benfred è meno apprezzato.



 

Lord Beric Dondarrion


Lord di Black Haven è sposato con Lady Allirya Dayne di Stelle al Tramonto.

Detto il "Lord della Folgore", dal simbolo della sua casata.

Descritto come un giovane guerriero dai capelli ramati e dal carattere irruente ma dal grande senso di giustizia, Lord Beric Dondarrion è accompagnato da un giovane scudiero, Edric Dayne, giovane nipote della moglie e lord di Stelle al Tramonto.

  

 

Ser Bonifer Hasty


Cavaliere nativo delle terre della tempesta, che in passato prestò servizio anche presso la Casa Merryweather.

Uomo dal fare solenne e sempre incline a riempire i propri discorsi con appelli agli dei.

E’ detto “Il Buono” per la sua devozione ai Sette Dei.  In passato era stato un promettente cavaliere, ma poi uno strano evento avvolto nel mistero aveva condizionato pesantemente la sua opinione sullo giostrare. Decide così di appendere la lancia al chiodo e sviluppo la profonda fede che lo caratterizza.

Al suo seguito Bonifer ha sempre un drappello di guerrieri detti “I Cento Santi”. Essi sono selezionati in base alla loro devozione ai Sette Dei e si dice che siano anche molto disciplinati e casti.

 


Ser Boros Blount


Cavaliere membro della Guardia Reale di Re Robert Baratheon, fa parte del gruppo di cavalieri che subentrò alle storiche cappe bianche di Aerys Targaryen, dopo la rivolta contro i draghi. Fedele in realtà più alla Regina Cersei Lannister che al sovrano Baratheon.

 

 

 

Brienne


Lady Brienne, detta beffardamente "La Bella", è nata ad Evenfall, nell'isola di Thart, ed è figlia di Lord Selwyn "la Stella della Sera". Come il popolo sa bene, non bisogna mai chiamare Brienne con il suo appellativo davanti a ella stessa, a meno che non si abbia una spada con cui difendersi: mai tale sberleffo fu più grande.

I suoi capelli sembrano quasi un nido di scoiattolo fatto di paglia sporca, il suo viso è orrendamente brutto e deforme, con lineamenti grossolani e aspri, denti prominenti tutti storti, bocca troppo larga, labbra talmente piene da apparire veramente gonfie. Il suo naso è stato evidentemente spezzato più volte, e il suo volto è cosparso da tantissime lentiggini.

Ma tuttavia, Brienne di Tarth ha sempre degli occhi azzurri splendidi, pieni di innocenza e fiducia, che farebbero invidia a qualsiasi ragazza.

 

 

Bronn


Bronn, un uomo dalla magrezza quasi scheletrica, dai capelli neri, dagli occhi neri e dalla barba spelacchiata, ha venduto la sua spada al soldo mercenario.

Rapidissimo e agile nei movimenti, per i quali viene anche paragonato ad una pantera-ombra, Bronn è un guerriero formidabile come pochi. Ha coraggio e forza, e la sua abilità con la spada è eccellente.

Tuttavia, si può trovare ben poca compassione in Bronn, e non è certo rinomato per la sua lealtà, come d'altronde molti mercenari.

Taciturno, la sua capacità di combattere anche in situazioni di svantaggio, che essa sia di luogo o di equipaggiamento, lo portano alla vittoria.

 

 

Maestro Caleotte


Consigliere, guaritore e tutore al servizio della casata Martell di Lancia del Sole.

Uomo grassoccio non più alto di cinque piedi e pelato. Considerata la sua stazza si dice che sia comunque molto agile nei movimenti. Maestro intelligente e mansueto a cui è difficile dare un’età, ma considerando il suo lungo servizio nel Dorne dovrebbe essere abbastanza anziano. Infatti, oltre a servire Doran Martell in passato aveva servito anche la madre del principe.

E’ lui che si occupa della malattia del principe Doran. Infatti, per favorirne gli spostamenti si è occupato della costruzione di una speciale sedia a ruote. Le ruote sono costruite con ferro ed avorio e la sedia è imbottita con cuscini di piumino d’oca che durante gli spostamenti attutiscono gli urti delle fragili articolazioni del principe contro le pareti della sedia.

 

 

Chataya


Donna molto rinomata in tutta Approdo del Re per gestire il bordello migliore della città, tanto da definirlo addirittura "degno di un re", per ragioni di cui Robert Baratheon non può che compiacersi. Chataya è una splendida donna proveniente dalle Isole dell'Estate.

La sua pelle è scura come ebano, i suoi occhi scuri hanno stupende sfumature di legno di sandalo, e la sua voce è talmente dolce da risuonare come ambra liquida, ammorbidita dall'accento delle Isole.

In queste, Chataya era una Sacerdotessa del Piacere. Trasferitasi ad Approdo del Re, ha trovato ben poche ragioni per amare la Regina Cersei Lannister, e il popolino non ha mai smesso di bisbigliare che tra le due ci siano state passate rivalità riguardanti lo stesso Re Robert Baratheon.

 

 

Chiggen


Chiggen è, come molti altri uomini che vivono di stenti ma bravi di lama, uno dei numerosi mercenari che solcano le terre dei Sette Regni in cerca di una qualunque persona disposta a pagarlo per compiere un qualunque lavoro. Dall'aria cupa, non avendo neppure una casa in cui alloggiare, la vita di Chiggen è dura e rigida: veste sempre con una vecchia e arrugginita cotta di ferro, che mostra evidentemente segni d'uso, e porta un mantello blu che una volta doveva essere stato d'una qualche pregiatezza. I suoi denti sono gialli e cariati, il suo viso scavato e i suoi capelli neri e sporchi.

Tuttavia Chiggen non è un mercenario solitario: per ragioni non note, infatti, è solito viaggiare assieme ad un altro mercenario, Bronn, per un patto che i due hanno fatto.

 

 

 

Cletus Yronwood

E’ da sempre il miglior amico del Principe Quentyn Martell tanto che quest’ultimo lo definisce come un fratello in tutto e per tutto tranne che per sangue. Egli è il secondogenito e l’erede di Lord Yronwood, alfiere dei Martell e Protettore della Strada di Pietra che da accesso al Dorne attraverso le montagne che segnano il confine con l’Altopiano e le Terre della Tempesta. E’ un giovane dallo sguardo pigro, ma sempre di buon umore e dalla risata pronta.

 

 

 

Maestro Colemon

Maestro Colemon è il giovane ma molto promettente guaritore nonchè importante consigliere di Nido dell'Aquila. In passato, quando era appena giunto pieno di orgoglio a Nido dell'Aquila, non passò molto tempo prima che Lord Jon Arryn si ammalasse: allora Maestro Colemon tentò in tutti i modi di curare il suo lord, ma in modi che il Gran Maestro Pycelle, anche lui che si occupava della salute di lord Jon, sosteneva che i suoi modi erano troppo rischiosi, e allontanò il volenteroso Colemon dal capezzale del suo lord.

Maestro Colemon fisicamente si presenta magro, ultimamente anche nervoso per gli ultimi avvenimenti di Nido dell'Aquila tra cui proprio la morte di lord Jon, con troppo collo e troppi pochi capelli.

 

 

Daario Naharis


E' l'eccentrico ed ironico comandante tyroshi della compagnia di ventura dei Corvi della Tempesta, costituita approssimativamente da circa cinquecento arcieri e lancieri a cavallo, armati anche di spade e asce per il combattimento ravvicinato, sotto il vessillo che rappresenta quattro corvi attraversati da folgori.

Il suo aspetto e il suo modo di vestire sono sgargianti e vistosi perfino se paragonati agli usi della sua patria: la sua barba è tagliata in tre cuspidi e tinta di blu o viola, come i folti capelli ricci  e lo smalto sulle unghie, porta baffi appuntiti in tinta dorata e abiti di tutte le sfumature del giallo, arricchiti da sbuffi di merletti di Myr su colletto e polsini, compresi guanti di morbido camoscio giallo. Sul farsetto sono cuciti medaglioni di bronzo a forma di dente di leone. Porta stivali alti fino alla coscia ricoperti da ricami dorati, e un cinturone di anelli istoriati al quale sono appese le sue armi: un arakh dothraki e uno stiletto di Myr con un'identica impugnatura dorata a forma di donna nuda.

Ha capelli biondi (sotto la tinta ) e naso adunco, e si può notare un dente d'oro quando sorride.

E' snello, agile e veloce in combattimento, ma le sue mani sono grandi e forti.

 

 

 

Dacey Mormont

Figlia primogenita di Maege Mormont e erede dell' Isola dell' Orso. Alta e flessuosa, dal viso allungato è cresciuta giocando con un' ascia anziché con le bambole e addestrata all' uso delle armi secondo la tradizione della sua terra che vuole le donne pronte a difendere le proprie case dall' attacco di pirati e predoni durante le lunghe assenza degli uomini per la pesca.

 

 

 

Dagmer

Dagmer è un rude e anziano uomo delle Isole di Ferro, alla corte di lord Balon Greyjoy a Pyke come maestro d'armi.

Viene soprannominato "Mascella spaccata" a causa di una ferita orribile a vedersi, retaggio di un'ascia lunga che per poco non lo uccise, da ragazzo. Il colpo gli aveva spezzato la mandibola, sbriciolato i denti anteriori e creato quattro labbra dove normalmente gli uomini ne hanno solamente due. Laddove l'ascia lo colpì, Dagmer esibisce ancora la cicatrice, che risalta nel suo viso tra la sua volta barba bianca, barba che però non cresce sulla cicatrice.

Dai capelli bianchi come la neve, esattamente dello stesso colore della barba, Dagmer in giovinezza è stato un temutissimo guerriero, si diceva senza eguali nell'uso della spada e nella lancia, nelle Isole di Ferro.

Ora i tempi della sua giovinezza sono passati, i menestrelli non cantano più le sue opere e inneggiano Andrik Senza Sorriso, Lorren il Nero o Qarl la Fanciulla, ma lo spirito combattivo, l'orgoglio, la sete di gloria e il valore di Dagmer non sono affatto invecchiati con i suoi anni. In più, Dagmer, perfettamente consapevole del passare dei suoi anni, non pare risentirne, nel corpo come nello spirito: sebbene infatti ora i menestrelli non inneggino più a lui come una volta, sa perfettamente di essere ben più temuto sia di Andrik Senza Sorriso, sia di Lorren il Nero e anche di Qarl la Fanciulla.

A testimonianza di questo, le dita dell'uomo soprannominato "Mascella spaccata" sono piene zeppe di anelli, oro, argento e bronzo, incastonati di zaffiri, tormaline e vetro di drago: tutti oggetti che l'uomo "ha pagato con il ferro".

Dalla voce roca e dal sorriso facile con chi lo apprezza, Dagmer non ha mai disdegnato la forte birra di Pyke ed è molto apprezzato da Balon Greyjoy, tanto che quest'ultimo gli ha concesso l'onore di essere il maestro d'armi di tutti i suoi figli, Rodrik, Maron, Asha e Theon.

 

 

Ser Davos Seaworth

Nato ad Approdo del Re, nel Fondo delle Pulci, Davos è sempre stato un abile marinaio, forse il migliore dei Sette Regni.

Ha solcato tutti i mari, dalla Barriera ad Arbor, nelle città libere e nel mare di Giada, sempre dedicandosi al contrabbando.

Durante la rivolta di Robert Baratheon, Davos del Fondo delle Pulci aiutò lord Stannis, che era assediato dai Tyrell a Capo Tempesta, portando, nel cuore della notte, al buio completo, passando silenziosamente fra le file nemiche, una nave carica di cipolle agli assediati, ormai ridotti a cibarsi di ratti e radici.

Dopo la guerra, Stannis ringraziò Davos del suo aiuto nominandolo cavaliere, stabilendo, però, che, allo stesso tempo, egli fosse mutilato delle ultime falangi di quattro dita della mano sinistra, una per ogni anno di contrabbando. Davos accettò, ottenne il nome Seaworth ("Degno del mare"), e scelse, come emblema, uno scafo nero, la cui vela presentava una cipolla.

Da allora ser Davos è da tutti chiamato il Cavaliere delle Cipolle, e diviene il più fido consigliere di lord Stannis.

 

 

 

Ser Dontos

E' un cavaliere residente ad Approdo del Re. Nominato Cavaliere di Re Robert Baratheon, non certo snello, ser Dontos è un uomo dalla corporatura tozza, dal collo corto e dal passo incerto. Assolutamente non in grado di sostenere un combattiemento, ser Dontos è spesso mira delle prese in giro di altri cavalieri ben più abili di lui. Si è spesso iscritto a numerosi tornei cavallereschi, ma mai mettendosi in luce.

 

 

 

Khal Drogo

Gran condottiero dothraki, riceve in sposa Daenerys Targaryen promettendo al fratello di lei, Viserys, un vasto esercito con cui poter riconquistare i Sette Regni.

Khal Drogo è il Signore del più grande Khalasar, ossia un potente e temibilissimo esercito, mai visto nel Continente Orientale delle Città Libere, composto da indomiti e ferocissimi guerrieri Dothraki, considerati barbari nel Continente Occidentale, o Westeros. Ma questo possente esercito Khal Drogo ha dovuto guadagnarselo: e l'ha fatto combattendo e faticando, vendendo il suo gran coraggio.

Così, ora, gran parte dei popoli delle Pianure del Sud del Continente Orientale gli appartengono.

Di poche parole ma dotato di un gran carattere e di rarissime doti di condottiero, Khal Drogo supera in altezza di molto l'uomo di media altezza, ma è anche agilissimo, oltre ad essere molto più giovane di quanto si può essere portati a pensare sentendo le sue mirabolanti imprese. L'uomo infatti ha senz'altro meno di trent'anni.

La sua pelle è del colore del rame lucidato, il suo corpo è massiccio e muscoloso e i suoi folti baffi sono raccolti da anelli d'oro e di bronzo, come vuole l'usanza Dothraki.

Ma la cosa che più fa tremare di terrore gli avversari di Khal Drogo è la sua lunghissima treccia. I suoi capelli, infatti, sono raccolti in un'unica treccia, satura di olii, neri come la notte più profonda, così lunga da arrivargli fino alla parte superiore delle cosce. Secondo le usanze degli uomini orientali, quando un Dothraki viene sconfitto in duello, questo deve tagliarsi la treccia in segno di disonore, in modo che tutto il mondo possa essere testimone della sua vergogna. E la treccia di Khal Drogo non è mai stata tagliata. Il che vale a dire che il Signore dei Dothraki non ha mai perso un duello.

Per ogni duello vinto, al contrario, viene aggiunto un campanellino d'argento alla treccia di ogni Dothraki, e la treccia di Drogo possiede così tanti campanellini da scoraggiare chiunque a contarli, e il loro tintinnìo risuona in modo tremendamente minaccioso, quasi a voler ricordare che il loro portatore non è una persona qualsiasi. Ed è anche il volto do Drogo ad essere leggendario per come è in grado di infondere terrore in qualunque avversario. I suoi zigomi sono scolpiti, crudeli, e i suoi occhi sono neri come onice.

Nonostante i diversi costumi e la diversità di razza, fra lui e Daenerys s'instaura immediatamente un gran rapporto. Grandi sono le profezie per lui e per la sua compagna.

 

 

 

Edric Storm

Figlio bastardo di Re Robert Baratheon e Delena Florent, l’unico, fra i numerosi figli naturali del re, riconosciuto.. Nei suoi confronti il fratello minore di Robert, Stannis Baratheon, prova un po’ di risentimento, tanto da non voler mai pronunciare il suo nome, perché il ragazzo è stato concepito la sera delle proprie nozze con lady Selyse Florent, su quello che sarebbe stato il suo talamo nuziale. Affidato al minore dei Baratheon, Renly, vive a Capo Tempesta dove il padre Robert era solito visitarlo.

 

 

Edwyn Frey

Primo figlio di Ser Ryman Frey, Edwyn è il terzo nella linea di successione a Lord del Guado, tuttavia non è un uomo d’arme.

E’ un giovane pallido e snello, naso schiacciato, capelli lisci e scuri, il viso tirato riflette la sua avarizia. Sua moglie è Lady Janyce della Casa Hunter, che gli ha dato una figlia, chiamata Walda in onore del bisnonno.

Voci mormorano che suo fratello Walder abbia intrattenuto rapporti con sua moglie: il contrasto tra Edwyn e Walder è ben noto tra i nobili dei Sette Regni.

Edwyn ritiene inoltre che Walder voglia sbarazzarsi di lui per avanzare nella linea di successione.

 

 

 

Ellaria Sand

Lunghi capelli neri, non propriamente bella ma in lei vi è qualcosa che attira, Ellaria è la concubina del Principe Oberyn "Vipera Rossa" Martell, da lui scovata al tempo della sua vecchia professione di prostituta. Di natali ignoti, Ellaria Sand, adora una dea dell'amore di Lys ed ha dato due figlie ad Oberyn.

 

 

Elmar Frey

Ventottesimo e ultimo figlio maschio di Lord Walder Frey, avuto dalla settima moglie Lady Annara Farring, Elmar è un ragazzo ancora troppo giovane per servire quale scudiero, così attualmente fa il paggio oppure il coppiere.

 

 

 

Emma

E’ la più vecchia delle serve del Piumino & Boccale a Vecchia Città. Ha quarant’anni compiuti, ma è ancora attraente in modo carnale.

 

 

 

Emmon Frey

Secondo dei quattro figli avuti da Walder Frey Lord del Guado e Lady Perra della casa Royce sua prima sposa, ser Emmon è un uomo sulla sessantina con pochi ciuffi di capelli bianchi sulla testa, magrissimo e sottile all’inverosimile, completamente privo di mento (caratteristica diffusa nella famiglia Frey) e con un pomo d’Adamo più che consistente.

È un uomo nervoso, con le mani sempre in movimento, petulante e ripetitivo. Ama masticare le foglie amare che gli provocano una schiuma rossastra persistente ai lati della bocca e sulle labbra. A soli quattordici anni fu spedito a Castel Granito per sposare Genna Lannister, sorella di lord Tywin, con la metà dei suoi anni, moglie dalla forte personalità, che spesso lo prevarica.

Il matrimonio gli ha dato quattro figli: Cleos suo primogenito ed erede, Lyonel, Tion e Walder.

Proprio per la forte personalità della moglie voci maligne non riconoscerebbero Emmon come il reale padre dei suoi quattro figli.

 

 

 

Lord Eon Hunter

Lord di Longbow Hall, nella Valle di Arryn, per quasi sessant’anni, prima che la sua morte sopraggiungesse improvvisa.

A seguito di questo evento alcune voci cominciarono a mormorare che la sua morte potesse essere stata accelerata da qualcuno dei suoi eredi. I sospetti maggiori ricaddero sul figlio minore, Ser Harlan Hunter.

 

 

 

Gli Estranei


Chi sono? La domanda che tutti si pongono è questa. Molti credono non siano mai esistiti, gli altri credono che siano spariti da ottomila anni e sperano che non tornino mai più. Queste creature del dio Estraneo, perenne antagonista di R’hllor, appaiono di notte, annunciati da un freddo tanto terribile quanto innaturale.

Loro che odiano acciaio, fuoco e sole, ed ogni creatura con sangue nelle vene viaggiano a dorso di pallidi cavalli non morti o a piedi con passo leggero, senza intaccare nemmeno il manto nevoso e senza far alcun rumore. Alti, scavati e duri, quando parlarono il loro incomprensibile linguaggio sembra di sentire il ghiaccio spezzarsi. Hanno mani bianche scheletriche,  la pelle pallida come latte e occhi di un blu profondo e inumano, ardente come fosse fuoco.

Indossano armature cangianti, che cambiamo colore ad ogni passo, bianche come neve o nere come l’ombra mentre le loro armi sono spade di cristallo circondate da un alone spettrale, una sottile luminescenza azzurro evanescente verso i bordi, bordi affilati più di qualsiasi rasoio. Quando il normale acciaio entra in contatto con la lama di un Estraneo si sente una vibrazione acutissima appena percettibile dall’orecchio umano e, come se non bastasse, l’acciaio inizia a ghiacciarsi al contatto con le fredde spade estranee fino a poter finire in mille pezzi per il congelamento.

Morire per mano di un Estraneo non è la fine, ma solo diventare un morto che cammina, ovvero un essere contrassegnato da innaturali occhi blu, colore che scompare una volta distrutti, pelle fredda e pallida come latte ma mani nere come da congelamento avanzato. Anche se cadaveri da giorni, con polvere nera laddove c’era sangue, non si decompongono come farebbe un corpo normale.

E al contrario di un corpo normale tengono alla larga qualsiasi tipo di animale, vermi, insetti ma anche cavalli e cani. Inaspettatamente, pur sembrando cadaveri di giorno, i morti che camminano possono rianimarsi di notte, e in quel momento, per quanto siano goffi e malconci, sono abbastanza forti da poter spezzare il collo di un uomo; oppure possono muoversi furtivamente, aprire porte e dare la caccia ad alcune persone in particolare, lasciando intuire che mantengano ricordi di quando erano in vita.

Ferire in combattimento un morto che cammina ha il primo effetto di produrre un odore nauseabondo e repellente. Fermarli sembra impossibile, visto che un arto amputato vive di vita propria e un morto che cammina perseguirà in qualsiasi caso il suo scopo, continuando a combattere anche se privo di testa. Un nemico di questi abomini è il fuoco, che li distrugge rapidamente, bruciandoli come legna secca e sciogliendo la loro pelle come se fosse cera.

Oltre al fuoco esiste un altro nemico delle creature del dio Estraneo, l’ossidiana (o vetro di drago). I morti che camminano non mostrano di averne paura ma è letale per i camminatori bianchi, così come gli Estranei vengono chiamati dai Bruti. Infatti, ogni loro parte del corpo colpita dal vetro di drago, al rumore di ghiaccio spezzato, incomincerà a fumare e sciogliersi portando l’Estraneo a trasformarsi in poltiglia e a farlo sparire, carne e rilucenti ossa opaline, nell’arco di venti battiti del cuore, lasciando come unico ricordo, un sottile filo di fumo. Dopo la morte del camminatore bianco l’arma di ossidiana usata per ucciderlo rimarrà completamente ghiacciata, ma il sangue blu pallido dell’estraneo ne evaporerà al primo contatto.

Secondo alcuni bruti gli Estranei sono gli dei freddi delle tenebre e delle ombre bianche. Per questo, quando il bianco freddo arriva, donano loro come offerte sacrificali animali ma anche bambini, che vengono abbandonati nella foresta. Gli Estranei che ,insieme ai morti che camminano, si crede sentano in particolar modo la vita degli infanti, vengono a prenderli e, secondo i bruti, a volte li rimandano per prendere altri come loro.

Ci sono diverse leggende che riguardano gli Estranei. In una viene narrata un periodo precedente l’arrivo degli Andali, ovvero la storia della Lunga Notte, degli Estranei e dell’ultimo eroe che li ha combattuti. Altre narrano di donne dei bruti che dopo aver giaciuto con i camminatori bianchi hanno dato alla luce abominevoli mezzi uomini, o di cacce a dorso di pallidi cavalli non morti con mute di ragni bianchi grossi come mastini, oppure di come nutrano i loro servi non morti con carne umana. Secondo un’altra leggenda gli Estranei si nutrono di sangue umano, come accaduto a un grande e intelligente eroe che dopo esser fuggito da un malvagio gigante restò troppo poco tempo libero, perdendo così la vita.

O ancora, nella ballata "Alla fine della grande notte" è narrato l’attacco dei Guardiani delle Notte che cavalcarono contro gli Estranei durante la Battaglia per l’Alba. Può anche capitare di sentire la storia di una strana dama bianca, non si sa se Estranea o loro servitrice, che ha sposato il Re della Notte portandolo a fare sacrifici al Dio Estraneo finche non è stato sconfitto.

Ma di tutte queste è una la storia più famosa. Quella raccontata ai bambini dei Sette Regni prima che si addormentino: “Fate i bravi bambini o gli Estranei verranno a prendervi.”

 

 

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 13 giugno 2012 )
 
< Prec.   Pros. >
facebook logo